Bruciore agli occhi e cattivo odore dell’acqua della piscina

Pubblicato il Friday, 4 March 2022

Se hai bruciore o irritazione agli occhi causati dall’acqua della piscina e l’acqua ha un cattivo odore, dovresti consultare i nostri consigli professionali per risolverlo. 

Il bruciore agli occhi in piscina è un problema che deriva da uno squilibrio dei valori di pH nell’acqua. Questo disagio è noto a livello medico come congiuntivite chimica. 

 

Secondo Michel Hlavsa, direttore del programma sanitario nelle piscine presso i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) negli Stati Uniti, questo problema deriva anche dalle clorammine, cioè il risultato della reazione delle particelle di cloro libero a contatto con azoto e ammoniaca causati da residui organici quali escrezioni e secrezioni umane: sudore, urina, saliva, ecc.

Anche l’eccessiva presenza di calcare, o proprio lo stesso, l’eccessiva durezza dell’acqua, può irritare gli occhi.


Le piscine salutari non devono emanare un forte odore di cloro, poiché indicano un’eccessiva presenza di clorammine che è dannosa, soprattutto per gli occhi, oppure un’eccessiva presenza di cloro. Ciascuno di questi problemi deve essere affrontato con una soluzione diversa. Noi di CTX ti offriamo la consulenza necessaria per avere un’acqua sana e non irritante.


Irritazione oculare da cloro della piscina: soluzioni


Innanzitutto, e prima di effettuare qualsiasi operazione, dobbiamo sottomettere ad analisi i vari parametri presenti nell’acqua. Quelli che ci interessano di più in base alla natura irritante dell’acqua sono principalmente il pH, l’alcalinità, il livello di cloro e la durezza del calcio. 

 

In CTX abbiamo numerosi strumenti per l’analisi dell’acqua. Trovi kit analizzatori con reagenti che, a contatto con campioni acquosi, ci offrono immediatamente e rapidamente un risultato di misurazione altamente accurato e affidabile. Abbiamo anche strisce analitiche, con reagenti che misurano contemporaneamente vari parametri. Offriamo anche altri dispositivi e sistemi, come reagenti, fotometri multifunzione e laboratori di analisi dell’acqua CTX.

 

Il passo successivo da affrontare, rispetto al problema specifico di squilibrio del pH consiste nel correggerlo applicando determinati prodotti all’acqua della piscina. Per questo utilizzeremo regolatori di pH come:


  • CTX-10 pH-. Ridurttore di pH granulare per regolare il pH tra 7,2 e 7,6 quando è superiore a 7,6. Riduce l’effetto cloro ed è un prodotto molto utile per evitare che l’acqua irriti gli occhi e le mucose del bagnante.


  • CTX-20 pH +.  Incrementatore di pH granulare per regolare il pH tra 7,2 e 7,6, quando è inferiore a 7,2. Così come per altri prodotti per l’equilibrio del pH, va utilizzato in assenza di bagnanti.


  • CTX-15 pH-. Riduttore di pH liquido per regolare il pH tra 7,2 e 7,6 quando è superiore a 7,6. Come abbiamo potuto osservare, se il pH è eccessivamente basso, le acque sono acide, se il pH è eccessivamente alto, le acque sono eccessivamente basiche, e possono essere la causa di bruciore agli occhi da acqua di piscina. Pertanto, è fondamentale anche in questi casi utilizzare riduttori di pH.


  • CTX-25 PH +. Questo incrementatore granulare del pH è anche specificamente utilizzato per contrastare dosi eccessive di prodotti utilizzati per il trattamento dell’acqua.

 

Anche l’alcalinità totale dell’acqua , quando è eccessivamente alta o eccessivamente bassa, può causare irritazione agli occhi. Il nostro marchio dispone dell’incrementatore di alcalinità in polvere CTX-21 Alka +, ideale per tutti i tipi di piscine.

 

Un altro problema che irrita gli occhi del bagnante è quello delle clorammine. Queste devono essere combattute con una super clorazione o colorazione shock. Pertanto, dovremmo usare un dicloro altamente stabilizzato e a rapida dissoluzione con un contenuto di cloro utile del 55%. CTX dispone di CTX-200/gr ClorShock, dicloro granulare molto veloce ed efficace per vari tipi di piscine. Viene frequentemente utilizzato per le emergenze e per quelle acque in cui la cura e la manutenzione sono state trascurate, e devono essere recuperate mediante un trattamento sufficientemente efficace ed energico. Qualora l’acqua presenti una mancanza di trasparenza, è necessario ripetere il trattamento di superclorazione iniziale. Inoltre, questo particolare prodotto non modifica il livello di pH dell’acqua, che è particolarmente utile e prezioso quando dobbiamo bilanciarlo.

 

Infine, se il problema è la durezza dell’acqua e dobbiamo risolvere la precipitazione di sali di calcio e magnesio che possono causare irritazione agli occhi, CTX dispone anche di regolatori di durezza, come il CTX-22 Calc +.


Come rimuovere il cattivo odore dalla piscina


Il cattivo odore di una piscina è un problema molto frequente che va combattuto conoscendone le cause. A tal fine, per un trattamento dell’acquad ottimale, è necessario utilizzare strumenti di misurazione e prodotti chimici specializzati. La prima cosa da tenere in considerazione, quando si parla di cattivi odori nell’acqua della nostra piscina è che ciò è dovuto ad un eccesso di rifiuti organici. Ma un’altra delle principali cause di questa situazione indesiderabile sono le cosiddette clorammine. In CTX ti consigliamo di essere in grado di risolvere questi problemi in base alle condizioni e ai requisiti specifici della tua piscina.

 

È fondamentale pulire periodicamente il fondo della nostra piscina, poiché è dove si depositano resti organici. Inoltre, quasi ogni giorno dovremo eliminare i rifiuti galleggianti con una rete. Per il pulizia manuale della tua piscina, il catalogo di CTX comprende un’ampia varietà di prodotti:

  • Tubi autoflottanti. Ideale per piscine private. Disponiamo anche di terminali per tubi galleggianti.

  • Spazzole di plastica per pulire il fondo della vostra piscina.

  • Tubi telescopici telescopico e accessori.

  • Raccogli le foglie per la superficie dell’acqua.

  • Detergenti per piscine. Progettati per agevolare la mobilità durante la pulizia di piscine di grandi dimensioni, poiché includono ruote.

  • Offriamo anche kit di pulizia personalizzati su richiesta del cliente. 


Soluzioni contro il cattivo odore dell’acqua della piscina


Le clorammine, sono altresì una delle principali cause dei cattivi odori in piscina. Le piscine con abbondanza di clorammine provocano irritazione alla pelle. Tra questa causa e il cattivo odore che emanano, non c’è altra scelta che affrontare e risolvere questo problema con determinazione. 

 

Per riuscirci dovremo effettuare una serie di operazioni con strumenti e prodotti specifici come quelli inseriti nel catalogo di CTX. 

 

Prima di tutto, dobbiamo analizzare i diversi parametri dell’acqua della nostra piscina. Bisogna tenere presente che le clorammine sono formate dalla combinazione di molecole di cloro libero con residui organici molto diversi, che vanno da quelli rilasciati dagli elementi organici dell’ambiente della piscina, come foglie di alberi, insetti, pioggia, ecc., alla formazione di alghe, o secrezioni ed escrezioni umane. 

 

I valori principali da determinare per risolvere il problema dei cattivi odori in piscina, sono quelli del pH, dell’alcalinità, del livello di cloro e della durezza del calcio.

 

Quindi, per l’analisi dei parametri della piscina, dobbiamo usare strumenti di misurazione come quello che ci offre CTX:

  • Kit analizzatori CTX  che contengono vari prodotti reagenti che, combinati con l’acqua, offrono risultati altamente accurati e affidabili. Alcuni di essi funzionano attraverso sistemi colorimetrici che offrono equivalenze in valori numerici dalla precedente interpretazione di una scala di colori.

  • Possiamo anche citare i Kit Pooltester, che determinano i valori di pH e cloro in modo rapido, preciso e simultaneo, semplicemente introducendo campioni acquosi negli scomparti, in modo che le pastiglie reattive che questi contengono reagiscano a contatto con essi.

  • Oppure citare il Kit Checkit, un comparatore compatto e di facile utilizzo, che stabilisce rapidamente i risultati della misurazione tramite una scala cromatica.

  • Inoltre, CTX dispone anche di Kit Minikits, test rapidi, in gran parte basati sul principio del metodo titrimetrico.

  • Tra i sistemi di misura di CTX vanno ricordate anche le strisce analitiche. Ad esempio, quelle del cloro libero con tre parametri, oppure quelle con 7 parametri.

  • Abbiamo altri sistemi e dispositivi di misurazione, come fotometri multifunzione o da laboratorio CTX di analisi dell’acqua, tutti caratterizzati da elevata precisione e affidabilità.

 

Il secondo e ultimo passo che dobbiamo compiere per eliminare i cattivi odori è effettuare una super clorazione o clorazione shock , ad effetto rapido. A questo scopo, applicheremo 15 gr di CTX-200 / GR ClorShock per ogni m3 di acqua . È un dicloro granulare altamente stabilizzato con un contenuto di cloro utile del 55%. Un prodotto indispensabile per averlo sempre a portata di mano e per poter affrontare emergenze e situazioni come questa del cattivo odore di una piscina.


CTX ti aiuta a scegliere e applicare gli strumenti e i composti chimici necessari per risolvere questi problemi. Se ne hai bisogno, rivolgiti a noi.